UNI EN 1090: marcatura CE per i componenti strutturali in acciaio o alluminio



Buongiorno, gentile lettore oggi parliamo di materiali per l’edilizia nello specifico delle strutture in acciaio e alluminio. Negli ultimi decenni l’edilizia ha fatto passi da gigante, nuove tecnologie e innovazione caratterizzano qualsiasi tipo di intervento costruttivo, che sia pubblico o privato.


Al giorno d’oggi per il Fabbricante di Prodotti da Costruzione saper gestire e superare le barriere tecnico-normative previste dal Commercio Internazionale diventa un importante tassello per l’evoluzione della propria azienda.


Fortunatamente sviluppo molto spesso è sinonimo di maggior qualità, e l’Unione Europea ha stabilito degli standard CE al fine di garantire la libera circolazione dei prodotti da costruzione. La marcatura CE rappresenta una metodologia armonizzata per valutare, provare, calcolare, esprimere, garantire ed infine dichiarare le prestazioni di un prodotto da costruzione.


Soluzione:

La Norma Armonizzata EN 1090-1: Esecuzione di strutture di acciaio e di alluminio.

Requisiti per la valutazione di conformità dei componenti strutturali riguarda la valutazione della conformità del controllo della produzione in fabbrica dei componenti strutturali in acciaio e alluminio utilizzati per le costruzioni di strutture in acciaio e miste acciaio - calcestruzzo ed è obbligatoria dal 1° luglio 2014 per l'immissione sul mercato di tali prodotti in Italia ed in tutta Europa.


Cos'è la certificazione UNI EN 1090?

La certificazione UNI EN 1090 è una certificazione obbligatoria a partire dal luglio 2014 per tutti i produttori di componenti strutturali in acciaio e alluminio. Questo tipo di certificazione è riconosciuta a livello internazionale.


Viene certificata la capacità di una azienda a produrre materiale che risponde a tutte le caratteristiche qualitative richieste dalle norme UNI EN 1090 parte 1, 2 e 3, da parte di un ente terzo denominato ente di certificazione.


Chi interessa la certificazione UNI EN 1090?

La certificazione UNI EN 1090 interessa i produttori di strutture in acciaio o in alluminio (ad esempio le carpenterie metalliche) che dal 1° luglio 2014 hanno l’obbligo alla marcatura CE secondo la norma UNI EN 1090-1.


La certificazione secondo UNI EN 1090 consente l'immissione sul mercato dei prodotti da costruzione all'interno dell'UE. Il 1° luglio 2013 è entrato in vigore il Regolamento europeo (UE) N. 305/2011 riguardante i prodotti da costruzione che introduce novità e obblighi per le aziende che operano nel mercato dei Prodotti da Costruzione e regola le condizioni per la marcatura CE.


Le aziende che sono obbligate ad essere certificate secondo la UNI EN 1090 sono ad esempio i produttori dei seguenti componenti in acciaio o alluminio:

  • prodotti in sezioni/profili di varia forma

  • prodotti laminati (piastre, lamiere, nastri)

  • barre, forgiati da acciaio e alluminio, protetti o non protetti contro la corrosione da rivestimenti o altri trattamenti superficiali, ad esempio anodizzazione dell'alluminio

  • componenti in acciaio utilizzati in strutture composte acciaio-calcestruzzo

Di conseguenza aziende che:

  • lavorano nella propria sede (definita “stabilimento") l'acciaio per il cemento armato precompresso;

  • realizzano strutture metalliche da posare in opera una volta finite;

  • realizzano parti di strutture metalliche composte da posare in opera una volta finite;

  • realizzano lamiere grecate;

  • realizzano profilati formati a freddo;

  • realizzano elementi strutturali;

  • attuano una “pre-lavorazione” di elementi strutturali da posare in opera successivamente;

  • producono carpenteria metallica;

  • producono bulloni, chiodi e staffe.


Cosa fare per avere il marchio CE sul proprio prodotto?

Il processo da seguire per poter apporre il Marchio CE sul proprio prodotto varia a seconda della tipologia e della destinazione d’uso.


In linea generale, il Fabbricante è tenuto ad implementare un Sistema di Controllo del Processo di Produzione di Fabbrica (FPC) e ad effettuare prove in conformità alla Norma Armonizzata di riferimento. La conformità di tale sistema di controllo (Factory Production Control) deve essere poi certificata da un Organismo Notificato. Al termine di questo percorso, il Fabbricante può apporre sul prodotto la Marcatura CE.


La base della Marcatura CE ai sensi della Norma EN 1090-1 è quindi costituita da:

  • Una Dichiarazione di Prestazione redatta dal Fabbricante.

  • Un Certificato di Conformità del Controllo di Produzione in Fabbrica emesso dall’Organismo Notificato.


L'Allegato ZA.2 alla Norma EN 1090-1 stabilisce i compiti del fabbricante e dell'Organismo Notificato ai fini della certificazione:

  1. Il fabbricante implementa un Sistema di Controllo della Produzione di Fabbrica (FPC), ovvero una sistematica azione di controllo interno permanente della propria produzione che comprende anche lo svolgimento di Prove Iniziali di Tipo (ITT/ITC) e ulteriori prove su campioni di prodotto secondo un programma di prove definito;

  2. L’Organismo Notificato, a seguito di un’attività di ispezione iniziale e verifica dell’FPC, certifica che quanto implementato e prodotto sia conforme agli Standard cogenti ed emette un Certificato di Conformità del Controllo della Produzione in Fabbrica.

  3. A seguito della Certificazione di conformità, il fabbricante emette e sottoscrive una dichiarazione di prestazione che, assieme al Certificato, costituisce la base per l'apposizione della marcatura CE.

  4. Il fabbricante può apporre il Marchio CE sui propri prodotti e commercializzarli.

  5. Durante il periodo di validità della certificazione, l’Organismo di Certificazione svolge verifiche di sorveglianza finalizzate al controllo del mantenimento del sistema.

È obbligatoria la certificazione UNI EN 1090?

La certificazione secondo la UNI EN 1090 è obbligatoria dal 1° luglio 2014 per tutti i produttori di componenti strutturali in acciaio e alluminio che intendono vendere il loro prodotto in Italia e in Europa.


I vantaggi della certificazione UNI EN 1090

La certificazione UNI EN 1090 serve per:

  • poter marcare CE i propri prodotti strutturali in acciaio e alluminio e di conseguenza poterli vendere all'interno della comunità europea e ovviamente in Italia

  • lavorare all'estero

  • partecipare agli appalti pubblici

  • essere inserito dai clienti all'interno del loro albo fornitori di prima scelta


La marcatura CE è combinabile con altre certificazioni?

Sì, la Marcatura CE è integrabile con altre certificazioni di prodotto o legate al sistema di gestione in ambito Qualità, Ambiente, Salute e Sicurezza.


In ambito EN 1090, si segnala l’importanza dell’integrazione tra la Marcatura CE, la EN ISO 3834 e la Qualifica dei Procedimenti di saldatura e degli Operatori.


Spero tu abbia apprezzato il breve articolo che avevo da proporti oggi, così come sono sicuro hai apprezzato gli altri. Se leggendolo ti è sorta qualche domanda non esitare a contattarmi, io e il mio team saremmo il più esaustivi possibile in merito.

Ti ringrazio e ti auguro una buona giornata. Alla prossima!

41 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti