top of page

Il Decreto-legge 19/2024 e le Novità della Patente a Crediti in vigore dal 1° ottobre 2024


novità legislative sulla patente a crediti

Il mondo del lavoro è in costante evoluzione, e con esso, le normative che ne garantiscono la sicurezza e l'efficienza. Una delle novità più discusse e significative degli ultimi tempi è l'introduzione del Decreto Legge 19/2024, entrato in vigore come parte del “pacchetto sicurezza sul lavoro” annunciato a seguito delle trattative tra il Governo, le rappresentanze sindacali e datoriali, dopo il tragico crollo di Firenze del 16 febbraio 2024. Questo decreto segna un punto di svolta, implementando il sistema della patente a crediti per i lavoratori dei cantieri, un cambiamento radicale destinato a influenzare profondamente il settore della sicurezza sui luoghi di lavoro. Le novità entreranno in vigore dal 1° ottobre 2024 secondo quanto emanato dal decreto legge 2 marzo 2024 n19).

In questo articolo, esploreremo le implicazioni di questo decreto.


Indice

  • Novità del Decreto Legge 19/2024

    • Obblighi e Applicabilità

    • Rilascio della Patente a Crediti

    • Crediti, Decurtazioni e Reintegro

  • Implicazioni per Imprese e Lavoratori Autonomi

    • Obblighi Formativi e Requisiti

    • Sanzioni e Decurtazioni di Crediti

    • Procedure di Reintegro e Esoneri

  • Conclusioni


Cos'è il Decreto-legge 19/2024: le novità Principali

Il Decreto-legge n. 19 del 2 marzo 2024 introduce misure innovative per rafforzare la sicurezza nei cantieri, modificando significativamente il D.Lgs. 81/2008 e ponendo le basi per un sistema di qualificazione attraverso la patente a crediti per le imprese e i lavoratori autonomi coinvolti in attività temporanee o mobili.


Il Decreto-legge 19/2024 introduce quindi un nuovo concetto di patente a crediti, rivoluzionando così l'approccio alla sicurezza sul lavoro. Questa innovativa misura fa parte del “pacchetto sicurezza sul lavoro” che segue la scia di importanti discussioni governative e sociali innescate dal tragico evento di Firenze. Questo sistema prevede che ogni lavoratore inizi con un certo numero di crediti, che possono essere persi in caso di violazioni delle norme di sicurezza o guadagnati attraverso la partecipazione a corsi di formazione e aggiornamento. Con questa misura, il legislatore punta a creare un ambiente di lavoro più sicuro e consapevole, incentivando comportamenti virtuosi e sanzionando le condotte negligenti.


Obblighi e Applicabilità

Il decreto stabilisce che, a partire dal 1° ottobre 2024, le imprese e i lavoratori autonomi attivi nei cantieri dovranno essere in possesso di una patente a crediti. Questo documento digitale, rilasciato dall'Ispettorato nazionale del lavoro, serve a certificare la qualificazione in materia di sicurezza sul lavoro, con l'obiettivo di ridurre gli infortuni e migliorare le condizioni lavorative​ nonché qualificare le imprese positivamente (in caso di punteggio pieno) o negativamente (in caso di

infortuni e/o carenze) secondo requisiti basati sulla salute e sicurezza del lavoro.


Rilascio della Patente a Crediti

Per ottenere la patente, è necessario soddisfare specifici criteri, che includono l'iscrizione alla Camera di Commercio, il completamento degli obblighi formativi per datori di lavoro, dirigenti, preposti e lavoratori, così come il possesso del Documento Unico di Regolarità Contributiva (DURC), del Documento di Valutazione dei Rischi (DVR), e del Documento Unico di Regolarità Fiscale (DURF). Questi requisiti assicurano che le imprese e i lavoratori autonomi operino in conformità con le normative vigenti, promuovendo le stesse in un ambiente di lavoro sicuro e regolamentato​


Crediti, Decurtazioni e Reintegro

La patente inizia con un punteggio di trenta crediti. Violazioni delle normative di sicurezza, incidenti o inadempimenti formativi possono portare a decurtazioni di questi crediti. Una dotazione inferiore a quindici crediti impedisce l'operatività nei cantieri, sottolineando l'importanza del mantenimento di buone pratiche di sicurezza. Le sanzioni amministrative per la mancanza della patente o per un punteggio insufficiente vanno da 6.000 a 12.000 euro​​​​.

Il decreto prevede anche meccanismi per il reintegro dei crediti persi, che possono essere riacquistati mediante la partecipazione a corsi formativi specifici. Ogni corso consente di recuperare fino a cinque crediti, con un limite massimo di quindici crediti recuperabili in questo modo. Inoltre, esistono incentivi per le imprese che adottano modelli di organizzazione e gestione conformi alle normative, con la possibilità di ottenere un aumento di cinque crediti​​​​.

Questo sistema di patente a crediti si propone come uno strumento dinamico per incentivare il miglioramento continuo delle condizioni di sicurezza nei cantieri, premiando le imprese e i lavoratori autonomi che si impegnano attivamente in questo senso.



Implicazioni per Imprese e Lavoratori Autonomi

L'introduzione della patente a crediti rappresenta un cambiamento significativo nel settore della costruzione, incidendo profondamente sulle modalità operative di imprese e lavoratori autonomi.


Obblighi Formativi e Requisiti

Il decreto legge pone un forte accento sugli obblighi formativi, rendendoli un pilastro fondamentale per la qualificazione delle imprese e dei lavoratori autonomi. La formazione continua diventa un requisito imprescindibile per il mantenimento della patente a crediti e, di conseguenza, per la possibilità di operare nei cantieri. Questo approccio non solo garantisce un aggiornamento costante sulle normative di sicurezza ma promuove anche una cultura della prevenzione.


Sanzioni e Decurtazioni di Crediti

Le violazioni delle normative di sicurezza hanno ora conseguenze dirette sulla patente a crediti, con decurtazioni che riflettono la gravità delle infrazioni. Questo sistema punisce non solo l'inosservanza delle misure di sicurezza ma incentiva attivamente l'adozione di comportamenti virtuosi. Le sanzioni pecuniarie per l'operatività senza patente o con un punteggio insufficiente sottolineano l'importanza di aderire alle normative, con multe significative che vanno da 6.000 a 12.000 euro.


Procedure di Reintegro e Esoneri

La normativa prevede meccanismi per il reintegro dei crediti persi, permettendo alle imprese e ai lavoratori autonomi di recuperare la piena operatività previa partecipazione a corsi di formazione accreditati. Questo aspetto sottolinea l'importanza della formazione continua e della capacità di aggiornamento come mezzo per garantire la sicurezza nei luoghi di lavoro. Inoltre, il decreto prevede esoneri per le imprese che dimostrano un alto livello di qualificazione, come quelle in possesso dell'attestato di qualificazione SOA, riconoscendo così l'eccellenza e promuovendo un modello virtuoso all'interno del settore.


Conclusioni

L'introduzione della patente a crediti dal Decreto Legge 19/2024 rappresenta un punto di svolta per la sicurezza nei cantieri, delineando un futuro in cui la formazione, la responsabilità e la conformità alle normative sono fondamentali. Questo sistema innovativo mira a elevare gli standard di sicurezza, premiando le imprese e i lavoratori autonomi che si impegnano attivamente nella prevenzione degli infortuni e nella promozione di un ambiente di lavoro sicuro.


Per le imprese e i lavoratori autonomi, adeguarsi a queste novità non è solo un obbligo normativo ma rappresenta un'opportunità per migliorare le proprie competenze, la sicurezza e, di conseguenza, la qualità del lavoro offerto.


Se hai bisogno di supporto contataci compilando il form che trovi a questa pagina.

79 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page